Cyberspionaggio, fratelli Occhionero: "Mai acquisito dati privati"

"Non abbiamo mai carpito dati riservati sul conto di terze persone ne' svolto attivita' di spionaggio. Quegli indirizzi mail oggetto di contestazione sono pubblici e alla portata di tutti e non c'e' alcuna prova di evidenza di una sottrazione di dati da parte nostra". Cosi', davanti al gip Maria Paola Tomaselli, si sono difesi Giulio Occhionero e la sorella Francesca Maria, accusati dalla procura di aver messo in piedi da anni un'attivita' di cyberspionaggio.

Categoria: