Cyberspionaggio, difesa Occhionero: "Storia ancora da scrivere"

Giulio Occhionero "ha negato ogni addebito e fornito chiarimenti su quei server che aveva all'estero per ragioni di lavoro. Questa e' una vicenda che e' ancora tutta da scrivere". Lo ha spiegato ai giornalisti l'avvocato Stefano Parretta, al termine del'interrogatorio sostenuto dall'ingegnere nucleare arrestato con la sorella per una presunta attivita' di cyberspionaggio. Per il penalista "non c'e' nessuna evidenza di dati acquisiti illecitamente perche' le mail sono evidentemente pubbliche e quindi accessibili da chiunque. Il mio assistito ha negato di avere svolto attivita' illecite. Quanto agli scatoloni relativi alla documentazione sequestrata dalla Polizia, si tratta della contabilita' della societa' di Occhionero. Se voi leggete l'ordinanza cautelare, si parla solo di indirizzi di posta, dati pubblici che tutti possiamo avere".

Categoria: