BRACCIO DI FERRO

Roberta Lombardi contro lo stadio Roma

Virginia Raggi e Roberta Lombardi del M5S

La parlamentare romana parla su Facebook di colata di cemento e di delibera da annullare

Ormai è scontro aperto nel Movimento Cinque Stelle tra favorevoli e contrari allo Stadio della Roma. Dopo i mal di pancia nella base, che nei giorni scorsi aveva chiesto a Grillo la possibilità di votare sul tema, e l’addio dell’assessore all’Urbanistica Paolo Berdini in polemica con il progetto di Tor di Valle, oggi arrivano le parole di fuoco della deputata Roberta Lombardi, da sempre polemica nei confronti della Raggi e del suo cerchio magico. "Un milione di metri cubi e uno stadio - scrive su Facebook la deputata - un solo stadio. Grattacieli, business park, l'equivalente di oltre 200 palazzi in una zona disabitata da secoli. Sapete perché? Perché è a fortissimo rischio idrogeologico. Se non è questa una grande colata di cemento, allora cos'è?". La Lombardi si dice favorevole a realizzare la struttura ma non con questo progetto. A stretto giro arriva da Grillo, che probabilmente sarà lunedì a Roma per fare il punto coi suoi. Sul blog il leader pentastellato non usa giri di parole: “Sullo stadio della Roma decidono la Giunta e i consiglieri. I parlamentari pensino al loro lavoro". Già ieri il blog aveva ripreso il coordinatore del tavolo urbanistica del M5s Roma, Francesco Sanvitto, anche lui favorevole ad un annullamento della delibera comunale che sancisce il pubblico interesse per il progetto dello stadio. "Per le questioni inerenti le amministrazioni guidate dal MoVimento 5 Stelle gli unici titolati a parlare, in nome e per conto del M5S, sono gli eletti. Chiunque altro si esprime solo a titolo personale e come tale devono essere prese le sue dichiarazioni", scriveva il blog. Sanvitto aveva preannunciato per il 21 febbraio una lettera alla sindaca Virginia Raggi a nome del coordinamento romano per chiederle l'annullamento della delibera.
di GIOVANNI CEDRONE

Categoria:

Regione: