Industria

Delrio: "rimettere al centro questione ambientale"

Delrio: "rimettere al centro questione ambientale"
"Non ci si può confrontare con un un nuovo modello di sviluppo senza tenere conto della questione ambientale" ha poi precisato, citando l'enciclica Laudato Si di Papa Francesco. La grande sfida delle politiche pubbliche e' quella di tenere conto dell'"ambiente non solo inteso come presenza di alberi e qualità dell'aria ma come luogo dove si sviluppa la comunità".
"Rimettere al centro una delle grandi sfide che il capitalismo non e' riuscito a risolvere cioe' la questione ambientale". E' l'appello del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, che stamattina ha partecipato alla celebrazione per i 70 anni della facoltà di Economia dell'Università Cattolica di Milano. "Non ci si può confrontare con un un nuovo modello di sviluppo senza tenere conto della questione ambientale" ha poi precisato, citando l'enciclica Laudato Si di Papa Francesco. La grande sfida delle politiche pubbliche e' quella di tenere conto dell'"ambiente non solo inteso come presenza di alberi e qualità dell'aria ma come luogo dove si sviluppa la comunità". Il programma e' dunque quello di "aumentare l'investimento pubblico e fare in modo che la questione del lavoro sia legata allo Sviluppo tecnologico" come hanno dimostrato "le questioni Ilva e Alitalia": "Esiste il tema di come le tecnologie possono distruggere lavoro e crearne di nuovo" con "la loro forza creatrice e distruttiva" allo stesso tempo, e anche "questo e' un tema di politiche pubbliche". Il ministro ha anche rivendicato alcune scelte del governo di cui fa parte: "Noi abbiamo ridotto le tasse a beneficio di chi fa un investimento, che ha anche un valore comunitario, per comprare ad esempio dei macchinari nuovi. Aumentare le tasse sulle rendite e ridurle per chi fa un investimento ha un senso di riequilibrio". Quindi ha parlato degli sgravi concessi a chi ha subito un danno dall'ultimo terremoto: "Questo sisma ci ha dimostrato che se la tua casa e' in sicurezza ma quella del tuo vicino no, anche tu sei in pericolo. Non c'e' sicurezza e uguaglianza senza un principio di collettività". Infine una considerazione sulla crisi del "capitalismo come ascensore sociale": "Esiste uno spread dell'eguaglianza a cui non e' ancora stata data una risposta. Le classi dirigenti del futuro dovranno essere attente anche alle voci deboli degli esclusi".

Categoria: