Animali da compagnia

Elisir di lunga e serena vita

Quanti sono gli animali domestici in Italia? Secondo gli ultimi rilevamenti del Rapporto Assalco – Zoomark 2017, nelle famiglie italiane vivono circa 60 milioni di animali, tra cui 7 milioni di cani e circa 7 milioni e mezzo di gatti, che sono parte integrante della famiglia

La media è un pet per ogni Italiano. La realtà parla di famiglie “allargate” dove cani e gatti, “figli pelosi” a tutti gli effetti, compongono con i propri umani un’allegra tribù, donando affetto, serenità, compagnia. Insomma, una vita migliore. Accarezzare un gatto diminuisce la pressione arteriosa, portare a spasso il cane combatte la pigrizia e fa fare moto anche quando proprio non se ne ha voglia, giocare con coniglietti e criceti porta allegria.

Gli animali da compagnia hanno solo effetti benefici sull’uomo a tutte le età. Crescere con un animale educa fin da subito i bambini all’empatia e al senso di responsabilità.

Secondo gli ultimi dati disponibili – sottolinea Coldiretti – sono oltre 14 milioni i cani e i gatti in Italia, ai quali si aggiungono 3 milioni di conigli e tartarughe, 13 milioni di uccelli e 30 milioni di pesci. Gli animali all’interno della famiglia portano nell’ordine serenità e gioia (43%), allegria e divertimento (36%), pace e tranquillità (16%) e sicurezza (6%), ma secondo i proprietari contribuiscono anche a migliorare la qualità della vita stimolando a svolgere attività fisica (94%), favoriscono la socialità e la comunicazione (81%) e hanno effetti positivi sulla salute psicologica (95%), secondo un’indagine GfK Eurisko.

Negli ultimi cinque anni si è registrato un vero e proprio boom per la richiesta di servizi veterinari (+89,1%), “beauty farm” e “asili” per cani e gatti che hanno fatto segnare un aumento del 43,7%. Nuovi servizi – spiega la Coldiretti – che sono il segnale di un’attenzione sempre maggiore per gli animali da compagnia considerati veri e propri componenti della famiglia che, se non possono essere portati in ferie (in Italia si stima che circa la metà degli alberghi siano adeguati), vengono sistemati in strutture di accoglienza dove sono nutriti e curati”.
E se per l'alimentazione si spendono oltre 2 miliardi di euro all'anno (+2,7%), sono aumentati del 10,3% gli snack e gli spuntini fuori pasto, per una spesa media complessiva che varia dai 30 ai 100 euro al mese.

Il ruolo degli animali all’interno della società è cresciuto ed è stato anche riconosciuto a livello giuridico da norme e regolamenti come la legge sull’agricoltura sociale fortemente sostenuta dalla Coldiretti che valorizza gli effetti positivi della pet-therapy che è entrata tra le nuove attività previste. «Fra le pratiche di agricoltura sociale – spiega la Coldiretti – vi sono infatti i servizi di cura e assistenza terapeutica come l’ippoterapia o l’onoterapia senza dimenticare però la funzione formativa e conoscitiva soprattutto nei confronti delle nuove generazioni svolta dalle fattorie didattiche con l’apicoltura, gli allevamenti di piccoli animali da cortile ma anche di mucche, maiali, pecore o capre. Una attività che la Coldiretti sostiene attraverso l’iniziativa educazione alla Campagna Amica che coinvolge oltre centomila alunni delle scuole».

style="display:inline-block;width:700px;height:450px"
data-ad-client="ca-pub-6299606116180155"
data-ad-slot="1425394020">