Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Festival di Cannes, in gara i film di Matteo Garrone e Alice Rohrwacher

di Aurora Edoardi
Saranno "Dogman" di Matteo Garrone e "Lazzaro Felice" di Alice Rohrwacher a rappresentare l'Italia al concorso del Festival di Cannes. Tra i film di rilievo, la nuova opera di Jean-Luc Godard e l'apertura con "Everybody Knows" di Farhadi
"Dogman" di Garrone e "Lazzaro Felice" di Rohrwacher in gara per la Palma d'Oro
Nella sezione "Un Certain Regard" il terzo film da regista di Valeria Golino

A meno di un mese dall’inaugurazione del Festival di Cannes (8-19 maggio), arriva finalmente il cartellone dei film presenti nelle varie sezioni. In gara per la Palma d’Oro ci sono due italiani: il regista romano Matteo Garrone (Gomorra, L’imbalsamatore, Il racconto dei racconti) porta sulla Croisette Dogman, storia ispirata al Canaro della Magliana (un fatto di cronaca violentissimo avvenuto a Roma negli anni Ottanta). Accanto a Garrone, troviamo anche Alice Rohrwacher (Corpo Celeste, Le meraviglie) con la sua nuova pellicola Lazzaro felice, storia divisa tra estate e inverno, tra campagna e città, interpretata tra gli altri da Nicoletta Braschi e Alba Rohrwacher (sorella della regista).

FILM IN CONCORSO

TODOS LO SABEN (EVERYBODY KNOWS) regia di Asghar Farhad

LE LIVRE D’IMAGE regia di Jean-Luc Godard

DOGMAN regia di Matteo Garrone

EN GUERRE (AT WAR) regia di Stéphane Brizé

NETEMO SAMETEMO (ASAKO I & II) regia di Ryusuke Hamaguchi

PLAIRE AIMER ET COURIR VITE (SORRY ANGEL) regia di Christophe Honoré

LES FILLES DU SOLEIL (GIRLS OF THE SUN) regia di Eva Husson

ASH IS PUREST WHITE regia di Jia Zhang-Ke

SHOPLIFTERS regia di Kore-Eda Hirokazu

CAPHARNAÜM (CAPERNAUM) regia di Nadine Labaki

BUH-NING (BURNING) regia di Lee Chang-Dong

BLACKKKLANSMAN regia di Spike Lee

UNDER THE SILVER LAKE regia di David Robert Mitchell

THREE FACES regia di Jafar Panahi

ZIMNA WOJNA (COLD WAR) regia di Pawel Pawlikowski

LAZZARO FELICE regia di Alice Rohrwacher

YOMEDDINE regia di A.B Shawky

LETO (L’ÉTÉ) regia di Kirill Serebrennikov

 

 

Fuori concorso, come precedentemente annunciato, ci sarà lo spin-off della saga di Guerre Stellari Solo: A Star Wars Story di Ron Howard. Non ci saranno invece i film di Netflix, che dopo la polemica dello scorso anno, ha preferito rimanere fuori dalla kermesse.

Nella sezione collaterale Un Certain Regard, figura il secondo film da regista di Valeria Golino Euphoria, storia di due fratelli molto diversi che si riavvicinano e si ritrovano.

 

UN CERTAIN REGARD

GRÄNS (BORDER) regia di Ali Abbasi

SOFIA regia di Meyem Benm’Barek

ONG DAY’S JOURNEY INTO NIGHT regia di Bi Gan

LES CHATOUILLES (LITTLE TICKLES) regia di Andréa Bescond & Eric Métayer

MANTO regia di Nandita Das

LONG DAY’S JOURNEY INTO NIGHT regia di Bi Gan

GIRL regia di Lukas Dhont

GUEULE D’ANGE (ANGEL FACE) regia di Vanessa Filho

EUPHORIA regia di Valeria Golino

RAFIKI (FRIEND) regia di Wanuri Kahiu

MON TISSU PRÉFÉRÉ (MY FAVORITE FABRIC) regia di Gaya Jiji

DIE STROPERS (THE HARVESTERS) regia di Etienne Kallos

IN MY ROOM regia di Ulrich Köhler

EL ANGEL regia di Luis Ortega

HE GENTLE INDIFFERENCE OF THE WORLD regia di Adilkhan Yerzhanov

À GENOUX LES GARS (SEXTAPE) regia di Antoine DESROSIÈRES

Tra le proiezioni speciali, c’è grande interesse per il documentario di Wim Wenders su Papa Francesco, Le Pope François, un homme de parole.

 

PROIEZIONI SPECIALI

LES ÂMES MORTES (DEAD SOULS) regia di Wang Bing

O GRANDE CIRCO MÍSTICO (LE GRAND CIRQUE MYSTIQUE) regia di Carlo Diegues 

THE STATE AGAINST MANDELA AND THE OTHERS regia di Nicolas Champeaux & Gilles Porte

10 YEARS IN THAILAND regia di Aditya Assarat, Wisit Sasanatieng, Chulayarnon Sriphol & Apichatpong Weerasethakul 

À TOUS VENTS (TO THE FOUR WINDS) regia di Michel Toesca

LA TRAVERSÉE regia di Romain Goupil

LE PAPE FRANÇOIS – UN HOMME DE PAROLE (POPE FRANCIS – A MAN OF HIS WORD) regia di Wim Wenders

Come già annunciato, il film d’apertura del concorso è Everybody Knows (Todos lo saben) di Asghar Farhadi, con Penélope Cruz e Javier Bardem

Stupisce che Loro di Paolo Sorrentino non compaia in nessuna delle sezioni del festival.