clan elia
La ragazza è una dei due destinatari di un provvedimento eseguito questa notte dai militari dell'Arma e deve rispondere di traffico di sostanze stupefacenti. Per gli inquirenti partecipava, a tutti gli effetti, alla gestione di una piazza di spaccio, vendendo le dosi e consegnandole a domicilio in sella ad uno scooter, tenendo la piccola sorella come passeggero
a Villa San Giovanni
Il protagonista è di Scilla, centro del Tirreno reggino. L'uomo percepiva dal 2007 sia la pensione che l'assegno di invalidità civile in relazione alle gravi condizioni documentate. I finanzieri, dopo aver assunto informazioni presso l'Inps e le aziende sanitarie locali del territorio, hanno avviato accertamenti sul suo conto
in carcere anche un politico
Finisce in carcere il consigliere comunale di minoranza del Comune di Pontecagnano Faiano Antonio Anastasio, coinvolto nell'inchiesta della Procura di Salerno condotta dai carabinieri di Battipaglia sul clan Pecoraro-Renna. L'uomo politico deve rispondere di attentato contro i diritti politici del cittadino e violenza privata
'Ndrangheta
Gli arrestati erano stati tutti condannati, nei giorni scorsi, con giudizio abbreviato, in quanto ritenuti responsabili di associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidio, estorsione e traffico di armi. Le indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, avrebbero permesso di accertare le responsabilità degli arrestati in ordine a numerosi episodi estorsivi a carico di imprenditori
Operazione antimafia
Le indagini sviluppate dal 2015 dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta hanno anche consentito di fare luce sulla scomparsa del proprietario della rivendita di tabacchi Giuseppe Bruno, avvenuta a Villarosa il 27 maggio 2004, oggetto di numerose trasmissioni televisive
Guardia di Finanza
Le indagini, svolte dal Nucleo Polizia Tributaria di Roma, hanno fatto luce sul fallimento della CO.GE.DI srl, società che ha avuto in sub-appalto alcuni lavori per conto della Metro C S.p.A., incaricata della costruzione della linea C della metropolitana della capitale
feriti e 4 fermati
Martedì di scontri e bombe carta. La protesta dei tassisti in tutta Italia e le manifestazioni sono sfociate in momenti di tensione, tafferugli, a tratti vera e propria guerriglia urbana. A Roma, dove sono arrivati migliaia di tassisti da tutta Italia, si consumano gli scontri più violenti, soprattutto davanti alla Camera e alla sede del Pd, tra manifestanti e polizia

Pagine

Abbonamento a Cronaca