Altrove è in pieno vigore, specialmente nell’Africa sub- sahariana, dov’è stata da poco oggetto di un approfondito studio Afrobarometer condotto da Jenny Guardado e Leonard Wantchekon, delle università americane di Georgetown e Princeton. I paesi considerati sono Kenia, Mali, Botswana, Uganda e Benin: con particolare attenzione alle elezioni presidenziali nell’ultimo.

Pagare il voto in Italia non ha più valore, l'elettore ormai "costa troppo"

L’estensione dell’idea della “persona giuridica” ha ora raggiunto un punto di genialità non più toccato da quando, una dozzina d’anni fa, un avvocato russo ha tentò di reclamare il possesso delle nuvole della Terra in quanto res nullius, proprietà di nessuno, come se fossero state abbandonate.

Sia la Nuova Zelanda sia l’India hanno dato personalità giuridica a dei fiumi

La monogamia è dunque una meraviglia. È però possibile, con la progressiva decostruzione delle forme più tradizionali del matrimonio occidentale, che lo studio arrivi tardi. Sia la pressione dell’Islam sia l’apertura ai matrimoni gay hanno dato speranza ai nostalgici in tutto il mondo che—spesso partendo da uno sfondo religioso—non vedono l’ora di ripristinare la sana vita matrimoniale dei patriarchi.

Monogamia o poligamia, anche le odalische "tengono famiglia"

Qualche anno fa l’attuale Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Sandro Gozi—una persona abile e molto convinta—ha visto nel modello europeo un successo da allargare al mondo intero: “Una democrazia da estendere prima a livello europeo e poi globale”.

Esercito comune europeo sotto il comando di Junker?

Gli studiosi hanno trovato quello che non dovevano. In sintesi, i dati esaminati dimostrerebbero l’esistenza di “significative” e sistematiche differenze tra i principali gruppi etnici/razziali americani in termini del “non-lavoro sul posto di lavoro”. Purtroppo, i dati sono conformi con ragionevole precisione agli stereotipi razziali privatamente comuni tra gli americani—e molte altre nazionalità

Il secondo paese al mondo per la produzione del caffè—dopo il Brasile—è il Vietnam. Nel 1980 ne esportava un totale di 77mila “sacchi”. Nei dodici mesi della stagione tra il 2015 e il 2016 il Vietnam ne ha esportato oltre 27,5 milioni di sacchi da 60 kg. Il 18% di tutto il caffè bevuto sulla Terra è vietnamita

Il fenomeno è particolarmente evidente nei paesi dove gli abitanti sono più deboli nei confronti di chi li governa—in Africa per esempio. Nell’ultimo anno i governi hanno tutti bloccato l’accesso ai social network e a Internet in fase elettorale e durante altri periodi politicamente sensibili.

"Fake news", quando il popolo esagera nell'esercizio sgradito della libertà di parola

Non viene spontaneo associare gli Emirati alla conquista dello spazio, in parte perché la martellante propaganda relativa ai paesi islamici in genere—da tutti gli attori in causa—tende a privilegiare l’aspetto “selvaggi sanguinari” rispetto al tema della tecnologia futuristica

Pagine

Abbonamento a Nota Diplomatica