avvio anno scolastico
"Care ragazze e cari ragazzi, bentornate e bentornati a scuola". Comincia cosi' il saluto della ministra dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca, Valeria Fedeli, per l'avvio dell'anno scolastico.
Teen Parade
Sono oltre 5200 i soggetti, molti dei quali in Veneto, che in Italia propongono progetti di alternanza scuola-lavoro per i ragazzi del terzo, quarto e quinto anno delle scuole superiori in Italia.
inclusività e stipendi
Forse Valeria Fedeli non sa niente del percorso scolastico italiano e sostenendo che la nostra scuola è "un sistema molto avanzato", sente però il bisogno di firmare due decreti, facile fare propaganda con una classe docente pagata meno di tutti i colleghi europei, a cui però si affida la giovane immigrazione, in piena e totale morale di obbligo d'accoglienza e occhio di riguardo
Articolo di:
di CLAUDIA RIGACCI
SCUOLA IN CRISI
Parlare di “buona scuola” e di “offerte formative” quando gli insegnanti sono stipendiati con contratti scaduti nel 2009 e ricevono in busta paga centinaia di euro in meno, è uno dei motivi che rende la scuola italiana un serbatoio di malcontenti che si trascina per forza d'inerzia, se il Governo vuole pubblicizzare un'educazione che sappia davvero dare i suoi frutti, ci stupiamo di come una sindacalista non abbia ancora capito che un buon risultato viene anche dal riconoscimento economico di chi, a quel risultato, ci lavora, naturalmente siamo anche molto lontano da un'equiparazione con gli stipendi europei e percepiamo almeno il 16% in meno rispetto ai colleghi europei
Articolo di:
di CLAUDIA RIGACCI
scuola
Fedeli: "Io sarei per portare l'obbligo scolastico a 18 anni perché un'economia che vuole davvero puntare su crescita e benessere, deve puntare sulla società della conoscenza "
Fedeli:a scuola fino a 18 anni
Istruzione
"Lo scorso febbraio - sottolinea la deputata dem - viene firmata un'intesa in conferenza unificata in cui le Regioni, Lombardia compresa, informano lo Stato che per loro sarebbe meglio ridurre il fondo per i libri di testo piuttosto che avanzare richieste di risparmio alle Regioni sui costi di funzionamento (previsti dalla legge).
Istruzione
D'ora in poi e' infatti previsto che candidate e candidati debbano avere nel curriculum di studi 24 crediti formativi universitari o accademici (acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle materie didattiche
Scuola
Fino a oggi 12 scuole hanno sperimentato percorsi quadriennali sulla base di progetti di istituto autorizzati di volta in volta dal ministero.

Pagine

Abbonamento a Scuola