Pro e Contro

I social permettono la nascita di nuove amicizie virtuali ma ci allontanano dalla vita reale,senza rendercene conto perdiamo la nostra privacy, stringiamo relazioni sempre più superficiali, si diventa verbalmente piu' aggressivi e si permette l'aumento di fenomeni come il cyberbullismo, stalking ecc..
Ma pensare ad una vita senza social si puo'? SI
Il progetto, si chiama “Social Zero”, vieta Facebook, Instagram, WhatsApp, Ask e web.L’esperimento proposto (e portato a termine) in due classi dell’Istituto tecnico Dagomari di Prato, dove sia gli studenti che il professor Marcello Contento, 35 anni docente di Economia Aziendale, hanno messo via i cellulari per una settimana di disintossicazione.

 Progetto “Social Zero"
Articolo di:
di SANDRA CASCHETTO

"No al gioco d'azzardo"

IL 23 MAGGIO consegna di due targhe a due imprenditrici del centro storicoche hanno detto no alle slot machine.
Un 23 maggio importante, quello ci si appresta a commemorare, dal momento che saranno passati 25 anni dalla strage che strappò agli affetti più cari ma anche a un’intera nazione Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i tre gli agenti della scorta del magistrato, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Un anniversario, quindi, nel quale dare meno spazio alle parole e più ai fatti, dimostrando che la legalità può e deve essere concreta.

 “Meno slot più spazio per le persone...”

FESTIVAL RELIGIONI

C'è bisogno di un tipo di educazione in grado di cambiare noi stessi, il nostro modo di pensare l'impegno verso gli altri, nei miei colloqui con scienziati, educatori e operatori sociali di tutto il mondo emergono preoccupazioni sulla necessità di un sistema etico che incorpori un'educazione del cuore e quella che si basa sullo studio della mente e delle emozioni: solo così sarà possibile realizzare una pace attraverso l'educazione: Sua Santità il Dalai Lama sarà presente a Firenze inaugurando la terza edizioni del Festival delle Religioni

Articolo di:
di CLAUDIA RIGACCI

visita del Papa

Non volersi piegare alle bassezze lessicali per esprimere la sua opera di evangelizzazione, portò Don Lorenzo Milani a dover insegnare agli altri i termini da usare per un “linguaggio alto”, perché “solo la lingua rende uguali” e “la parola è la chiave fatata che apre ogni porta”: "io non mi ci abbasso a livello dei miei parrocchiani e non dire più cose alte a me non va, io seguito il mio linguaggio alto e quindi o loro vengono al mio linguaggio o non ci si parla"

Articolo di:
di CLAUDIA RIGACCI

preghiera mariana

"La misericordia - ha spiegato - apre anche la porta del cuore e permette di esprimere la vicinanza soprattutto con quanti sono soli ed emarginati, perche' li fa sentire fratelli e figli di un solo Padre"

Pasqua

Al suo arrivo al Colosseo per il rito della Via Crucis, papa Francesco è stato accolto tra gli altri dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, con la quale si è intrattenuto per alcuni istanti scambiando con fare sorridente alcune cordiali battute.

Papa Francesco alla Via Crucis: "Vergogna per sangue migranti e scandali Chiesa"

Domenica delle palme

Per il Papa, non c'e' un altro Gesu' che quello "inchiodato alla croce e morto tra due malfattori". "Non abbiamo altro Signore all'infuori di Lui.

Città del Vaticano

"La nostra speranza non si regge su ragionamenti, previsioni e rassicurazioni umane; e si manifesta la' dove non c'e' piu' speranza, dove non c'e' piu' niente in cui sperare".

Papa: sperare anche quando non c'è più niente in cui sperare

Pagine

Abbonamento a Sociale