Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Se parli con un uomo in una lingua a lui comprensibile, arriverai alla sua testa. Se gli parli nella sua lingua, arriverai al suo cuoreNelson Mandela

Trovato il corpo di Giuseppe Liotta. Al medico coraggioso sarà intitolata la Pediatria di Corleone

Ritrovato il corpo del pediatra palermitano, travolto dal maltempo mentre si recava all'Ospedale Dei Bianchi, che ora gli intitolerà il reparto in cui lavorava. "Liotta un simbolo, ha messo a rischio la propria vita per dare cure agli altri"
Giuseppe Liotta

Dopo quasi cinque giorni di ricerche, è stato ritrovato il corpo di Giuseppe Liotta, il pediatra quarantenne travolto sabato dall'ondata di maltempo mentre da Palermo si recava a Corleone per prendere servizio nel locale ospedale. Il cadavere è stato individuato da un elicottero della polizia e da una squadra del Soccorso Alpino nel vigneto dell'Azienda vitivinicola Corleonese, non distante dalla strada provinciale 4 che collega San Cipirello e Corleone. Le ricerche, che in questi giorni avevano interessato un centinaio di persone tra forze dell'ordine, vigili del fuoco, protezione civili, Croce rossa e volontari, avevano preso una svolta ieri, in seguito al ritrovamento di una scarpa riconosciuta dai familiari e che ha permesso di concentrare le operazioni in una zona più a valle, a quasi 10 km di distanza dall'auto bianca che il medico aveva chiuso a chiave prima di cercare la salvezza a piedi e di essere travolto dall’acqua del fiume Belice.

Auto Liotta
L'auto di Liotta ritrovata in mezzo al fango

"Alla memoria di Liotta sarà intitolato il reparto di pediatria di Corleone"

"È un giorno di grande tristezza e di profonda commozione per la nostra Azienda sanitaria che aveva avuto la possibilità di conoscere ed apprezzare le grandi doti umane e professionali di Giuseppe Liotta". Lo ha detto il commissario straordinario dell'Azienda sanitaria provinciale di Palermo, Antonio Candela, che ha sottolineato come "l’intera Asp con tutto il suo personale in questo momento di dolore si stringe alla famiglia ed a tutti i colleghi che hanno affiancato Giuseppe nel suo brillante percorso professionale". Per ricordare il suo esempio di "medico serio, preparato e scrupoloso", ha annunciato Candela, sarà intitolato alla memoria di Giuseppe Liotta il Reparto di Pediatria dell'Ospedale 'Dei Bianchi' di Corleone nel quale lavorava da febbraio e che sabato scorso stava cercando raggiungere per non mancare al suo turno di lavoro. 

L'Ordine dei medici di Palermo: "Liotta simbolo della categoria" 

Anche i medici di Palermo sono in lutto dopo la notizia del ritrovamento del corpo di Liotta. I consiglieri dell'Ordine dei medici di Palermo si stringono attorno al dolore della famiglia, ricordando il collega come un “simbolo di tenacia e impegno di un'intera categoria perchè un medico, superando anche le proprie paure, è sempre pronto a prestare le sue cure ovunque serva la sua presenza, mettendo a repentaglio anche la propria vita. Ed è ciò che Giuseppe ha fatto", dice il presidente dell'Omceo di Palermo, in rappresentanza di tutti i consiglieri. "La notizia della sua morte dopo giorni di ricerca - aggiungono i consiglieri - ha portato un grande dolore in tutti coloro che lo hanno conosciuto ed hanno avuto l'opportunità di apprezzare le sue dote umane e professionali. Perdiamo un grande collega a cui in tanti hanno voluto bene e stimato. In un momento di profonda tristezza, inviamo un abbraccio forte alla famiglia, a cui vogliamo offrire anche un aiuto reale per i momenti difficili che dovrà affrontare insieme alla grave perdita". Il consiglio ha deciso coralmente, informa Amato, innanzitutto di attivare una raccolta fondi da donare alla famiglia e di sostenerla avviando tutte le agevolazioni previste dalla legge, a partire dall'accesso agli aiuti previsti dalla Fondazione Onaosi, che assiste in Italia gli orfani dei professionisti della sanità, a tutela del futuro dei figli, e ai sussidi che la Fondazione dell'Enpam mette a disposizione per gli studi e le prestazioni assistenziali degli orfani dei medici e della famiglia. "Stamattina - conclude il presidente - abbiamo già chiesto al sindaco Leoluca Orlando, che ha subito dato la sua approvazione, di dedicare una strada a Giuseppe Liotta nei pressi di Villa Magnisi, sede dell'Ordine dei medici, per coltivare la memoria di un medico che ha perso la sua vita per salvaguardare la salute di altre vite umane".

Giuseppe Liotta
Giuseppe Liotta

Aperti tre fascicoli di indagini sulle stragi per il maltempo in Sicilia

Con il ritrovamento di Giuseppe Liotta, salgono a tredici le vittime ufficiali dell'ultima terribile ondata di maltempo in Sicilia. Oltre al pediatra, i nove morti di Casteldaccia, due nuclei familiari tra loro imparentati, travolti dalla piena del fiume Milicia nella villa presa in affitto, trasformatasi in una trappola, risultata abusiva e che doveva essere demolita; il produttore di vini di Salemi, il cui corpo è stato recuperato a Vicari; e la coppia di coniugi che proveniva da Francoforte e che ha trovato la morte a Cammarata, in provincia di Agrigento. 

La procura di Termini Imerese, che indaga per omicidio e disastro colposi in relazione alla strage di Casteldaccia, ha già aperto un fascicolo gemello, sempre contro ignoti, per i disastri che hanno provocato la morte di Liotta, nel Corleonese, e del produttore di vini di Salemi, Alessandro Scavone, 44 anni, deceduto nel territorio di Vicari, e un fascicolo di indagine è stato aperto anche dalla procura di Agrigento. Perché il maltempo che ha sconvolto la Sicilia è stato una calamità naturale, ma le tragiche conseguenze che ne sono seguite hanno dei colpevoli.