Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Forse per il mondo sei solo una persona, ma per qualche persona sei tutto il mondoGabriel Garcia Marquez

Il miracolo del bacio del Papa

Una bimba neonata gravemente affetta da un tumore cerebrale, in seguito al bacio del Papa (o forse della chemioterapia) è guarita. Ora ha tre anni, sta per iniziare la materna e i suoi genitori non dimenticheranno mai l'accaduto.
papa bacio

Il bacio del Papa avrebbe guarito una bimba, anche se in realtà il miglioramento sarebbe pittosto dovuto alla chemiotarapia.

Gianna Masciantonio oggi ha 3 anni, ma se non fosse per quel bacio forse non sarebbe così. Questo è quanto racconta la madre in una rivista americana che l'ha intervistata. La piccola Gianna, nata sana, era stata successivamente visitata per dei problemi uditivi che purtroppo avevano rivelato la presenza di un cancro cerebrale situato nel trucco encefalico. Poche settimane di vita e un dolore inenarrabile avevano fatto crollare la famiglia nella disperazione. Ma la fede non li ha mai abbandonati e non hanno smesso di pregare per la loro piccola.

In quelle settimane del 2015 il Papa si trovava in visita a Philadelphia e i genitori di Gianna, i quali sapevano della presenza del Papa, avevano fatto di tutto per avvicinare la loro piccola alla papamobile riuscendo a far si che il pontefice la baciasse in fronte. La foto ha fatto il giro del mondo.

Nel giro di poco tempo, in seguito ad ulteriori analisi si scoprì che quello di Gianna non era un tumore cosi maligno ma uno Xanthogranuloma, ovvero una patologia di tipo sanguigno molto raro ma non letale. In seguito a 15 mesi di chemioterapia e numerose preghiere la piccola è riuscita a debellare la malattia giungendo sana e salva fino ad oggi.

"La vita di Gianna è un miracolo: il bacio di Papa Francesco è il modo di Dio di mostrare che lui è con noi in questo viaggio e che ha ascoltato le nostre preghiere" afferma la madre commossa. Ora Gianna è in perfetta salute e inizierà la scuola materna come tutti i suoi coetanei.

Che sia stato davvero il bacio del Papa o l'amore dei genitori devoti o piuttosto una diagnosi male azzeccata, ringraziamo il destino per aver salvato la piccola Gianna e aver portato un po' di speranza a coloro che leggono la sua bella storia.