Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odioNelson Mandela

Singapore accoglie Kim e domani incontra Trump

di Redazione Esteri
Ultimi preparativi in vista dello storico incontro che avverrà nella città-Stato asiatica tra il presidente americano e il leader nordcoreano. Obiettivo: la completa rinuncia all'arsenale bellico nucleare e l'avvio di nuovi rapporti commerciali
Singapore accoglie Kim: domani l'incontro con Trump sulla denuclearizzazione della Corea
Il leader nordcoreano Kim Jong-un e il premier di Singapore Lee Hsien Loong.

Singapore - La pace e la denuclearizzazione della penisola coreana saranno nell'agenda del leader nord-coreano, Kim Jong-un, al summit con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Lo riferisce un comunicato dell'agenzia di stampa nord-coreana, la Korean Central News Agency. "Il tema di costruire un permanente e durevole meccanismo di pace permanente di mantenimento della pace e il tema di realizzare la denuclearizzazione della penisola e altre questioni di comune interesse, come richiesto dal cambio di era, saranno discussi colloqui del summit tra Repubblica Democratica di Corea e Stati Uniti", scrive l'agenzia di stampa del regime in un articolo dedicato all'arrivo di Kim a Singapore per il summit di domani, riferendosi alla Corea del Nord con il suo nome ufficiale.

La Kcna riporta anche alcuni dettagli del viaggio di Kim, tra cui la delegazione che lo accompagna nella città-Stato asiatica: con Kim viaggiano il suo braccio destro e numero due del Partito dei Lavoratori nord-coreano, Kim Yong-chol; Ri Su-yong, a capo degli Affari internazionali del partito diretto da Kim, e No Wang-chol, ministro delle Forze Armate nord-coreane. Oltre a loro ci sono anche il ministro degli Esteri del regime, Ri Yong-ho, e la sorella minore del leader nord-coreano, Kim Yo-jong, già emersa come una delle più strette collaboratrici del fratello in occasione del primo summit intercoreano tra Kim e il presidente sud-coreano, Moon Jae-in, del 27 aprile scorso.

Donald Trump e Kim Jong-un oggi si trovano a soli 570 metri di distanza l'uno dall'altro, ovvero i dieci minuti a piedi che separano lo Shanghai-la Hotel, che ospita Trump, e il St. Regis, dove alloggia Kim a Singapore. Stamattina a Singapore le delegazioni di Stati Uniti e Corea del Nord si sono incontrate al Ritz-Carlton hotel per discutere gli ultimi dettagli dello storico evento.

La delegazione statunitense è arrivata per prima: tra i funzionari di Washington, in un video trasmesso dall'emittente televisiva cinese China Central Television, si riconosce l'ambasciatore Usa nelle Filippine, Sung Kim. In un secondo momento è arrivata la delegazione nord-coreana, capeggiata dalla vice ministro degli Esteri del regime Choe Son-hui. Sung e Choe sono stati i capi delle delegazioni dei rispettivi Paesi impegnati nei colloqui al confine tra Corea del Nord e Corea del Sud nelle settimane che hanno preceduto il loro arrivo a Singapore.