Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte della gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde

Collio goriziano: il Castello di Spessa in una fiction di Rai 1

di Antonio Devetag
Il magnifico maniero è stato scelto per fare da sfondo a una miniserie televisiva in due puntate, intitolata Il Confine, che andrà in onda il 15 e il 16 maggio
Castello di Spessa

Il Castello di Spessa di Capriva del Friuli, con la sua inconfondibile sagoma che si scorge da lontano sulla cima di un basso colle tappezzato di vigne, l’alta torre merlata, i grandi saloni arredati con mobili d’epoca, la scenografica cantina medievale, il parco storico è sempre più spesso scelto come location ideale per girare scene di film e fiction sia italiani che stranieri, nonché di spot. 

Legato a nobili casate e illustri ospiti come Giacomo Casanova, il Castello di Spessa si trova nel cuore del Collio Goriziano, a Capriva del Friuli, ed è completamente circondato dalle vigne della tenuta a cui dà il nome, fra cui si snodano le 18 buche del Golf Country Club Castello di Spessa. Le sue origini risalgono al 1200. Oggi elegante Wine Resort, ha una quindicina di suites arredate con mobili del’700 e dell’800 italiano e mitteleuropeo e, scavata nella collina sottostante il maniero, la più antica e scenografica cantina del Collio, dove invecchiano i pregiati vini della tenuta.

Lo si potrà vedere anche a fare da sfondo alle vicende della fiction Il Confine, che andrà in onda su Rai 1 il 15 e 16 maggio. La mini serie in 2 serate è stata coprodotta da Rai Fiction e Paypermoon Italia (A.P.T.) per celebrare il centenario della Prima Guerra Mondiale. Un racconto sulla tragedia della guerra, che vide su fronti opposti amici e persino parenti, ma anche sugli ideali e sui sentimenti di una generazione poco più che adolescente travolta dalle chiamate al fronte. 

Con la regia di Carlo Carlei e la sceneggiatura di Laura Ippoliti e Andrea Purgatori, Il Confine racconta la storia di tre giovani sul drammatico sfondo del primo conflitto mondiale. Emma, figlia di un commerciante ebreo, Franz, figlio di un militare austriaco, e Bruno, figlio di un operaio e fratello di uno degli esponenti dell'irredentismo triestino, sono costretti a rinunciare alla loro giovinezza e lottano per sopravvivere e salvare non solo chi amano ma anche ciò in cui credono. 

Interpreti sono Filippo Scicchitano, Caterina Shulha, Alan Cappelli Goetz. Nel cast anche Stefano Dionisi, Fiorenza Tessari, Edoardo Purgatori, Roberto Chevalier, Fabrizia Sacchi e Massimo Popolizio. Nel film, girato per 9 settimane tra Trieste e i luoghi reali delle trincee di allora, non mancano scene di guerra e scene di massa, per le quali sono state utilizzate oltre mille comparse.

Chi volesse visitare questo incantevole luogo ricco di storia e bellezze naturali, può approfittare della 9^ edizione di Giardini Aperti in Friuli Venezia Giulia, in programma per domenica 20 maggio. Il Castello di Spessa aprirà per l’occasione al pubblico il Parco secolare e i Giardini privati (ingresso libero dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 al tramonto. La manifestazione si svolgerà anche in caso di maltempo).