Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Se parli con un uomo in una lingua a lui comprensibile, arriverai alla sua testa. Se gli parli nella sua lingua, arriverai al suo cuoreNelson Mandela

La signora Clooney conquistata dal “cane” George

di Stefania Fiorucci
Il cuore di Amal Alamuddin, moglie del bel George, è stato conquistato grazie a uno stratagemma, tanto curioso quanto efficace, ordito dall’attore americano: via email si è spacciato per il suo amico a quattro zampe bisognoso di assistenza legale
La tattica "vincente" del bel George  per conquistare la moglie

Come Danny, il protagonista della trilogia di Ocean’s, George Clooney ha dimostrato di saperne una più del diavolo e a rivelarlo è stata direttamente la sua “vittima”: sua moglie.

In una recente intervista rilasciata a Vouge USA, infatti, Amal Alamuddin ha confidato che il divo di Hollywood le ha rubato il cuore in un momento della sua vita nel quale pensava solo alla carriera. Missione impossibile per molti ma non per il bel George che è riuscito a farle dimenticare in aula le carte delle cause che stava seguendo per indossare  un abito da sera.

Amal e George Clooney

A far cambiare radicalmente la posizione di Amal sull’amore è stato, soprattutto, il singolare corteggiamento con il quale George l’ha stregata. In perfetto stile 4.0 l’attore ha scardinato i lucchetti di sicurezza della sua attuale moglie a colpi di email. Messaggi di posta nei quali si è spacciato per il suo cane “Einstein” e ha richiesto immediata assistenza legale.

Era il 2013 quando Amal e George si sono conosciuti durante una festa a Villa Oleandra, residenza italiana sul Lago di Como dell’attore e, neanche un anno dopo, si sono sposati.

Oggi la coppia ha due gemelli di 10 mesi, Alexander e Ella,  e la signora Clooney ha mostrato tutta la sua bellezza in occasione della copertina che Vouge Usa le ha dedicato.

Amal Clooney e Vogue

Non sono mancati, nel corso dell’intervista, dettagli e curiosità della vita familiare che Amal ha rivelato con piacere.

"I bambini si arrampicano sul nostro letto fra le 6 e le 8 del mattino e hanno già iniziato a dire qualche parola, con George che è stato molto attento ad assicurarsi che "mamma" venisse prima di "papà"".