Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Se parli con un uomo in una lingua a lui comprensibile, arriverai alla sua testa. Se gli parli nella sua lingua, arriverai al suo cuoreNelson Mandela

Rocco contro Asia: "Si sta incattivendo. Penso abbia visto troppi film del padre"

di Redazione Spettacoli
Durante la partecipazione a una nota trasmissione radiofonica, l'attore porno ha commentato le battaglie di Asia Argento contro le molestie sulle donne. E i suoi commenti non sono stati affatto teneri
Il ponodivo italiano commenta le battaglie femministe dell'attrice
Rocco Siffredi si scaglia contro Asia Argento: "Nutre odio verso l'uomo e il maschio"

"Asia Argento si sta incattivendo, mi spiace. Ha un odio verso l'uomo e il maschio in generale, fa di tutta l'erba un fascio. Io sono un suo fan, ma penso che da bambina abbia visto troppi film del padre

Con queste parole Rocco Siffredi, pornodivo italiano famoso in tutto il mondo, ha commentato le battaglie sociali e femministe che la figlia del grande regista horror Dario Argento sta conducendo da diversi mesi contro le molestie sulle donne. Le dichiarazioni sono state fatte durante la trasmissione radiofonica La Zanzara, condotta dal giornalista Giuseppe Cruciani su Radio24. Siffredi si è detto rammaricato per la metamorfosi negativa di Asia, all’indomani dell’intervista rilasciata dall’attrice a Repubblica a proposito del suo viaggio a New York insieme all'ex presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini (le due partecipano al summit Women in the world per raccontare quella che loro definiscono "l'anomalia italiana" nella questione delle molestie sessuali).

"Ho raccontato di essere stata stuprata da Harvey Weinstein quando avevo 20 anni: negli Stati Uniti mi hanno creduta, Weinstein è stato cacciato. In Italia invece sono stata derisa e chiamata prostitutaha dichiarato Asia. “Mi hanno minacciata di morte insieme ai miei figli. Come possiamo aspettarci allora che le donne denuncino molestie e violenze se nel nostro Paese chi parla finisce sul banco degli imputati?".

 

Boldrini e Argento si sono anche soffermate sul perché le donne preferiscano non denunciare le molestie subite: "Tacciono perché hanno paura di non essere credute, di doversi addirittura giustificare” ha detto la parlamentare di LeU. “E’ la loro parola contro un sistema in cui nei talk show ci sono politici che confondono la molestia con il corteggiamento. Per questo i molestatori non vengono messi al bando. Anzi sembra che non esistano. Invece è una piaga. C'è un pregiudizio fortissimo verso il mondo femminile, chi parla di sessismo e misoginia viene trattato con fastidio. Anche in politica".

Contro Asia Argento e il movimento #metoo, si è scagliato in questi giorni anche il regista Luca Barbareschi, che ha dichiarato a Le Iene: "Il movimento #metoo è una roba comica per mentecatti. È giusto denunciare una violenza, se realmente l’hai subita. Asia Argento non è mai stata abusata. Questo è un movimento per cretini, creato da e per attrici ricche che hanno messo in crisi donne veramente disgraziate, perché di loro nessuno ne parla".
 

Insomma, Asia Argento a scoperchiato un vaso di Pandora davvero esplosivo. Di sicuro la polemica non finisce qui.