Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odioNelson Mandela

Mondiali di Russia 2018: chi sono i tifosi piu’ sfegatati?

di Antonio Devetag
In occasione del calcio d’inizio dei campionati mondiali di Russia 2018, il prossimo 14 giugno, uno spaccato delle nazioni più tifose, ricostruendolo attraverso i dati delle prenotazioni di viaggi verso la Russia
Stadio Luzniki
Stadio Luzniki a Mosca

E i flussi turistici verso il Paese degli zar, secondo uno studio di eDreams, l’agenzia di viaggi online leader in Europa, ci dicono che la top ten delle nazioni partecipanti al Mondiale da cui provengono più viaggiatori vede al primo posto la Germania, già vincitrice dell’ultima edizione dei Mondiali 2014. In seconda e terza posizione, gli altri due Paesi dati come favoriti per la vittoria, Francia e Spagna.

Seguono a ruota Regno Unito, Svizzera, Belgio, Danimarca, Portogallo e Svezia. Ultimi nella top ten, si posizionano i viaggiatori del Brasile, una delle altre nazioni favorite in questo mondiale, mentre i viaggiatori provenienti dall’Argentina sono addirittura fuori dalla top 20. 

Ma quali sono le nazioni con il cuore più nel pallone? Tra le partecipanti al torneo, quelle che hanno aumentato maggiormente i flussi turistici verso la Russia durante i Mondiali, rispetto allo stesso periodo del 2017 sono Danimarca, con un aumento di quasi dieci volte rispetto al 2017 (+965%); al secondo posto, il Regno Unito, con turisti che superano più di quattro volte quelli in visita nel 2017 (+405%); terza classificata, la Spagna, sul podio delle squadre favorite per la vittoria e su quello dei tifosi più affezionati, con un afflusso di visitatori quasi quadruplicato rispetto all’anno scorso (+397%).

E l’Italia? Nonostante gli Azzurri non siano presenti al Mondiale, i viaggiatori provenienti dal nostro Paese sono quelli più numerosi tra le nazioni che non partecipano al torneo. L’Italia, infatti, si posiziona subito dopo la Spagna, e prima del Regno Unito, con una crescita del 126% rispetto all’anno scorso.

 

a.d.