Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Il vero amore contiene l'elemento della gentilezza amorevole, che è la capacità di offrire felicitàThich Nhat Hanh

Chi mal comincia….

di Domenico Ciotti
Brutto esordio della rinnovata Italia di Roberto Mancini contro la Polonia. Un pari acciuffato su rigore evita la figuraccia. Il compito per il nuovo allenatore è molto complicato. Lui stesso si è reso conto che in Italia per ora c'è poca qualità
calcio
IL ct Mancini durante l'allenamento

E’ iniziata la Nations League e con lei il nuovo corso della nazionale italiana. Il compito di Mancini si preannuncia difficile. Scaricare sul povero Ventura tutte le colpe della mancata qualificazione ai mondiali è stato un gioco facile per i critici e, soprattutto, per la Federazione, ma ciò che appare evidente è la crisi del nostro calcio. Ventura non aveva lasciato a casa dei fenomeni così come Mancini nelle ultime convocazioni. Il problema è che mancano i giocatori, che magari ci potrebbero pure essere, nascosti nelle serie minori o nelle panchine della serie A. I nostri campionati, pure quelli di B e lega Pro, sono invasi di stranieri e non tutti si chiamano Cristiano Ronaldo. Troppo spesso lo straniero viene acquistato per aggiustamenti di bilanci e per accordi tra procuratori. Il giochino può star bene alle società ma è deprimente che possa star bene alla Federazione che dovrebbe vigilare e tutelare sul calcio.

Cambiando sport, Boscia Tanjevic, che è stato chiamato a risollevare il basket italiano, ha tuonato: “smettiamola con gli stranieri e crediamo nei nostri giocatori».

Magari il grande Boscia non risolleverà la pallacanestro italiana, ma almeno ci sta provando con idee e progetti. Perché ciò non avviene nel calcio? In attesa di risposte dai vertici, torniamo al campo. La nazionale di Mancini ha deluso. E’ vero, il nuovo allenatore, ha tutte le attenuanti del caso, siede da poco tempo sulla panchina azzurra, sta rimettendo assieme i cocci di un disastro e la politica federale che aiuta le squadre di club e non la nazionale non viene in suo soccorso. I tifosi, però, si aspettavano qualcosa di più. E’ vero che Balotelli è uno dei pochi attaccanti di livello internazionale che abbiamo, ma nelle condizioni fisiche in cui si trova è presentabile? Non era meglio evitargli una figuraccia? E Chiesa? Il Chiesa attuale è un giocatore che si mangia il campo, ha voglia di spaccare la partita e ci riesce, ha senso tenerlo in panchina?

E Insigne? Perché nel Napoli fa spesso la differenza e in maglia azzurra delude?

Chiudiamo col centrocampo? Sperimentare per sperimentare, perché non pescare in B? Ad esempio il giovanissimo Tonali, stella del Brescia e degli Europei under 19.

Mancini proverà a correre ai ripari, ma da solo non può fare nulla. Senza l’appoggio della Federazione rischierà di fallire come Ventura. Il processo di rinnovamento potrebbe essere lungo, ma non sembra nemmeno iniziato.

l'attaccante azzurro Balotelli
L'attaccante azzurro Mario Balotelli 
Buffon dopo l'eliminazione al mondiale
Buffon dopo l'eliminazione al mondiale di Russia 2018 (flickr.com)