Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odioNelson Mandela

I nostri Tropici nelle Isole Tremiti

di Antonio Devetag
Da Capraia a Cretaccio, il piccolo arcipelago offre emozioni indimenticabili. A San Domino non circolano automobili e l’isola si raggiunge da Termoli in 50 minuti con l’aliscafo
Tremiti

Le Tremiti sono un piccolo e magnifico arcipelago al largo del Gargano, in Puglia: la loro nascita 
è legata alla leggenda di Diomede, eroe greco che fissò qui la sua dimora, tracciandone il confine con le ciclopiche pietre traportate a bordo della sua nave dalla Tracia. Gli avanzarono tre massi che, con la forza che gli era propria e la rabbia per l’ingrato destino, scagliò nelle limpide acque del Mediterraneo. 

L’isola di San Domino è la più grande. Dal colle dell’Eremita, alto 120 m, si può ammirare tutta l’isola nella sua frastagliata bellezza. La parte rocciosa è piena di grotte. Le più belle sono la grotta delle Viole, così chiamata per i riflessi dell’acqua sotto il sole del mattino, quella del Sole, la grotta di Menichello e la grotta del Bue Marino.

Grotta del Bue Marino
Grotta del Bue Marino

San Domino è il centro turistico per eccellenza, ma quando vi si sbarca, servendosi dei numerosi traghetti che partono dalla terraferma, si avverte subito un gran senso di pace e tranquillità. Su questa isola, come pure a San Nicola, non circolano infatti automobili. Seconda per dimensione, San Nicola è l’isola dei tramonti perché quando il sole sta per calare all’orizzonte, il paesaggio si colora di un rosa particolarmente suggestivo grazie ad un fenomeno di fosforescenza.

Le altre isole sono disabitate. Capraia è detta Capperara per l’abbondanza di capperi selvatici e ha rocce che formano grandi e bizzarri archi naturali sul mare. Cretaccio, un isolotto dalla giallastra terra argillosa tra San Domino e San Nicola, è governata da una piccola colonia di conigli selvatici. Anche Pianosa, nonostante la distanza, fa parte dell’arcipelago e della Riserva Naturale Marina che lo tutela.

Immagine rimossa.

I fondali delle Tremiti ospitano importanti ritrovamenti di archeologia subacquea. Si tratta soprattutto di imbarcazioni affondate in questo tratto di mare, crocevia dei traffici mercantili nel Mediterraneo e punto di sosta per le flotte che navigavano verso Oriente. 

La gastronomia è il non plus ultra per gli amanti del pesce: scorfani, cernie, aragoste, dentici e polpi che la saggezza degli abitanti vuole cucinati in acqua di mare per non perderne profumo e sapore. I piatti e le ricette sono quelli della tradizione pugliese.

Vedi anche articolo di Redazione Ambiente

Per saperne di più : www.isoletremiti.it