Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte della gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde

Ponte primo maggio: galoppa il turismo

di Alessandro Ragazzo
Il tempo favorevole sta dando un impulso positivo al settore e almeno tre camere su quattro sono prenotate. Le città d’arte sono le più visitate
Ponte primo maggio: galoppa il turismo
Panoramica di Firenze

Un primo maggio da remuntada per il turismo. Il bel tempo imprime una netta accelerazione alla domanda turistica, e per il prossimo ponte di primavera – l’ultimo della stagione – risulta prenotato l’80% delle camere disponibili online. È quanto emerge dall’aggiornamento al 27 aprile del monitoraggio dell’Offerta Ricettiva Nazionale disponibile online condotto da Cst per Assoturismo sui principali portali del web. La buona performance è dovuta soprattutto al meteo favorevole, che ha permesso di recuperare, nell’ultima settimana, l’8% di prenotazioni: al 20 aprile, infatti, era stato riservato solo il 72% delle stanze.

La domanda turistica è cresciuta in modo molto importante in molte aree del Paese, con valori percentuali più alti in alcune aree del Nord Est; positivi anche i valori del Centro Italia che vedono crescere la percentuale di occupazione di Toscana e Lazio ma anche Umbria e Marche.

Dal monitoraggio emerge un consolidarsi dell’appeal delle città d’arte, piccole e grandi, ma si rileva anche l’apertura della stagione delle principali località balneari.  A farla da padrone sono le città d’arte, soprattutto – ma non solo – le più grandi: a Firenze, Roma, Trieste, Napoli, Venezia, Assisi e Matera si rileva un tasso di occupazione delle camere superiore al 90%. Interessante anche la crescita delle percentuali di occupazione in alcune località balneari (Sorrento, Ischia, Capri, Jesolo).

Liguria e Toscana sono anche le regioni che registrano le percentuali più elevate di camere già riservate, con un tasso di occupazione rispettivamente del 94% e del 91%, oltre 10 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale. Seguono, nella classifica delle regioni più prenotate, Veneto Umbria e Lazio (tutte e 3 sul 90%).